RISPOSTE NELLA POLVERE

Sponsorizzato dall’inedito quanto efficacissimo sodalizio Johnatan Coe / ‘povna (a proposito, grazie di cuore cara amica, tu sai perché), ho letto “Risposte nella polvere” di Rosamond Lehmann e ne sono stato davvero contento.

Il romanzo è molto bello, ben scritto e tiene avvinti dall’inizio alla fine anche se la lettura è pervasa dall’inizio alla fine da una sorta di malinconia che non sono quasi mai riuscito a levarmi di dosso.

La storia di Juduth Earle è quella di una ragazza sola e solitaria che per quanto si sforzi di uscire da questa sua situazione particolare, sia attraverso i cugini Fyfe che abitano saltuariamente la casa accanto, sia attraverso la vita al college a Cambridge, alla fine vi ritorna sempre inevitabilmente.

Le due figure più importanti nella vita di Judith saranno Roddy e Jennifer due personaggi completamente diversi l’uno dall’altro e di entrambi i quali si innamorerà in maniera totale e coinvolgente salvo rimanere da entrambi respinta e delusa dopo aver appena sfiorato le gioie dell’amore.

Benché scritto negli anni ’20 (e, inevitabilmente alcuni passaggi non possono che apparire datati al lettore di oggi) il romanzo appare estremamente “moderno” e attuale sotto vari aspetti e punti di vista e indubbiamente l’omosessualità, pur trattata con molta grazia e leggerezza dall’autrice, non poté che fare scandalo all’epoca in cui il romanzo uscì

Non una di quelle a cui si era rivolta aveva saputo lenire la piaga che la dilaniava senza tregua, cancellare per un solo giorno quell’unico volto. E le sue compagne ne erano consapevoli. I tre anni in cui era stata assorbita da Jennifer l’avevano separata senza appello dalle altre: anche se l’avevano accolta con benevolenza, erano tacitamente convinte che lei non fosse dei loro. (…)

A tutto ciò che le era stato offerto, all’infuori di Jennifer, aveva prestato orecchi disattenti, occhi ciechi: E quanto le era stato offerto di valido, di durevole! Ma lei aveva trascurato ogni possibile interesse, ogni possibile occasione.

Splendide sono le figure dei personaggi, tratteggiati in maniera davvero notevole, forse ancor più della protagonista, i cinque cugini Fyfe, l’apparentemente svampita Mariella che nel finale del libro avrà la sua rivincita, lo sfortunato Charlie, il malinconico Julian, il piccolo e timido Martin, per finire con lui, Roddy, il terribile, freddo, forse crudele (?) Roddy; e che dire di Jennifer e di Geraldine, personaggi che anche se attraverso piccole pennellature, diventano subito inconfondibili lasciando il segno nel romanzo, senza apparire mai inutili o sovrabbondanti.

Da leggere, senz’altro, cercando di scoprirne tutta la modernità nascosta tra le sue pagine

Con questo post partecipo, in extremis al venerdì del libro.

Annunci

4 commenti

Archiviato in Letteratura, Venerdì del Libro

4 risposte a “RISPOSTE NELLA POLVERE

  1. Pingback: Venerdi' del libro: La morte in versi |

  2. Che dire, mi fa proprio piacere che ti sia piaciuto, se mi scusi il bisticcio… 🙂 Poi mi saprai dire di Niente, e nel frattempo sappi che mi sto organizzando per – se non una recensione – una mini-segnalazione sul Cardellino!

    • Mi fa piacere! E comunque se anche diraderai le tue recensioni, quando ci sarà qualcosa che valga la pena segnalarmi, c’è sempre la mail; visto che le tue indicazioni hanno sempre colto nel segno!

  3. Pingback: SABATOBLOGGER 25. I blog che seguo | intempestivoviandante's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...