RIPARTITI – segue

E siamo ripartiti anche noi, con le nostre fatiche, le nostre difficoltà, i nostri pesi, ma anche con l’entusiasmo che ci trasmette ogni giorno la nostra piccola grande Patitù.

Si riparte con in mente chiaro e forte che il primo obiettivo da raggiungere sul lavoro è semplicemente quello di non ripetere un anno come lo scorso, di non arrivare esauriti sia fisicamente, sia soprattutto, mentalmente: e l’unico modo per arrivarci è l’organizzazione sia mentale sia pratica. Poche perdite di tempo alla scrivania, resa massima con riduzione delle distrazioni al minimo e possibilmente uscire a un orario decente la sera (diciamo mai oltre le sette e mezza).

Almeno un giorno alla settimana nella pausa pranzo andare a nuotare, continuare (già confermato) l’impegno con il laboratorio teatrale a scuola di Patitù, sostituire la scuola di Teatro del lunedì sera con un abbonamento di coppia a teatro per me e la Leonessa.

E poi stare vicino, vicinissimo alla Leonessa, alla sua sofferenza per la lontananza da suo papà, preda della maledetta bestiaccia che lo ha colpito ai polmoni e che chissà se tra un anno sarà ancora con noi e stare vicino a mia mamma che per ora la bestiaccia l’ha sconfitta ma un anno fa stava per entrare nel suo incubo personale e a fine mese è attesa da controlli che ci diranno tanto, molto…

E bisogna scegliere la scuola media per Patitù, la cerchia delle scuole papabili si è ristretta ma ancora non si è ridotta a una, l’unica certezza è che sarà scuola pubblica. E Patitù cresce e quest’anno il suo nuoto diventa preagonistico e ci sarà qualche domenica in più da correre per portarla alle gare, osservandola con orgoglio e un sorriso, incoraggiandola quando inevitabilmente arriveranno le sconfitte e tenendo il profilo basso se qualche volta le capiterà magari di vincere qualcosa.

E in mezzo a tutto questo dovrò essere bravo a trovare sempre un po’ di spazio per la scrittura e per la lettura perchè la mente, più di tutto, a quasi cinquant’anni, ha bisogno di essere nutrita, accontentata nelle sue richieste di piacere, nutrita e abbeverata, quando il lavoro la priva di ogni energia.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Bilanci, capodanno, Io, Lavoro, previsioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...