#ioleggoperché – 23 aprile – io c’ero

Il tour de force inizia quando manca poco meno di un quarto d’ora alle quattro del pomeriggio, peraltro dopo aver messo alle spalle già più di sei ore di lavoro.

Si esce dallo Studio diretti alla riunione dell’ordine dei Dottori Commercialisti che deve approvare il consuntivo del bilancio 2014 ma soprattutto premiare, tra gli altri, il socio anziano dello Studio (85 anni!) che festeggia 50 anni di iscrizione all’Ordine.

Un’ora e mezza abbondante di noia e di mezzo abbiocco per arrivare a vivere i 60 secondi della premiazione, un po’ di emozione perché è bello vedere una persona con cui convivi da ormai 20 anni da mattina a sera, vivere un momento così bello ed intenso (che poi io a 85 anni, sperando di arrivarci, non mi veda a lavorare ancora 6 giorni su 7 da mattina a sera è un altro discorso…)

Sono ormai quasi le 18.30 e per me è ora di scappare buttando un rapido occhio malinconico all’ampio buffet allestito per l’occasione (so che da lì a mezzanotte sarà difficilissimo mangiare): alle 19.00 sono atteso al Teatro Nazionale (dove per l’occasione c’è una vasta organizzazione di messaggeri di #ioleggoperché) da una delle mamme migliori che io ho conosciuto in questi anni di scuola con i suoi due figli (miei attori nel corso di Teatro) e la mia Patitù che è gentilmente passata a prendere a casa; l’occasione è la rappresentazione del Piccolo Principe, in serata doppiamente speciale in quanto tutto l’incasso sarà devoluto a Don Storri e alla sua associazione i Semprevivi.

Lo spettacolo è bello, ben fatto, i bambini sono incollati con gli occhi al Palco, ma io a dire il vero, continuo a guardare l’orologio, mi aspetta l’appuntamento con la Piazza; alle otto e mezza lo spettacolo termina, Patitù decide di rimanere con i suoi amici  che vanno al McDonald’s (poi ce la riaccompagnerà a casa la mamma di cui sopra dove ci sono i nonni ad aspettarla) la Leonessa è lì fuori con la macchina già accesa, partiamo e dieci minuti prima delle nove siamo in Piazza!

Il resto lo conoscete già tutti abbondantemente, conosco anche se solo attraverso una stretta di mano Iome e Noisette, mi basta il loro sorriso con cui mi salutano, poi mi faccio vedere da Ammennicoli, con lui basta un cenno di intesa, mi piace subito moltissimo, non riesco a parlare con nessuno di loro ma mi basta (per ora?); e poi seguo ammirato i miei amici del LAB che organizzano, coordinano, guidano la serata, bravissimi, grandissimi.

E in mezzo a tutto questo, sopra a tutto questo, dentro a tutto questo ci sono loro, i veri vincitori di tutto questo periodo, i protagonisti, sì, proprio loro, i libri!

e io sarò per te unica al mondo.

Annunci

2 commenti

Archiviato in #ioleggoperché, Blog, Letteratura

2 risposte a “#ioleggoperché – 23 aprile – io c’ero

  1. annikalorenzi

    che bella giornata eh! davvero! grande wild ce l’hai fatta!

  2. Mercoledì sera ero stanchissimo ma soddisfatissimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...