IL GIORNO DOPO

dal Corriere Della Sera del 13 dicembre 2014

I soliti violenti da corteo

i pochi distinguo della Cgil

Gli incidenti e la giornata di sciopero generale di venerdì 12 dicembre

di Dario Di Vico

La verità, non da ieri purtroppo, è che i cosiddetti antagonisti sono ormai diventati un prolungamento dei cortei sindacali, sono cadute le barriere di una volta e i fedelissimi del caos servono comunque a fare massa critica. In prima battuta per ampliare il numero dei partecipanti ai cortei necessario per influenzare la comunicazione e i titoli dei telegiornali. E subito dopo per dare il segno più tangibile dell’emergenza sociale in nome di un vecchio luogo comune della sinistra che ama misurare la profondità del malessere di un Paese con l’intensità degli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine. Nella contaminazione tra pacifica protesta sindacale e sovversivismo degli antagonisti, interessati per altro solo a devastare i centri urbani, si possono rintracciare assieme vecchi e nuovi vizi. Si ripropone l’antica propensione dei gruppi dirigenti a non farsi nemici a sinistra e si aggiunge il riflesso della feroce battaglia politica che tre organizzazioni sindacali (Cgil, Fiom e Uil) hanno dichiarato contro il governo e il tiranno Renzi.

È ovvio che quando si tratta di combattere un piccolo Thatcher non si può andare troppo per il sottile, se si deve abbattere una dittatura il fine è così nobile che oscura i mezzi. Le maggiori responsabilità di questa contaminazione le porta la Fiom che nel suo disegno di costruire una forza politico-sindacale di vera opposizione ha sviluppato nel tempo un capillare network di relazioni con i Cobas e i centri sociali. Il guaio è che la Cgil, nel momento del suo massimo sforzo organizzativo antigoverno, ha immagazzinato queste relazioni e se ne è dissociata solo a posteriori. Quando cioè undici poliziotti a Milano e due a Torino erano già stati feriti dai manifestanti. Fortunatamente non è successo nulla di irreparabile e di conseguenza c’è tutto il tempo per rinsavire. I funzionari di polizia chiedono nuove misure repressive come l’estensione del Daspo già utilizzato contro gli ultras ma forse i primi ad usare il cartellino rosso contro i violenti dovrebbero essere proprio la Cgil e il neopartigiano Barbagallo.

Annunci

4 commenti

Archiviato in sciopero, sindacato, Violenza

4 risposte a “IL GIORNO DOPO

  1. Chiaro, essenziale e, soprattutto, inconfutabile.

  2. annikaLorenzi

    pur non abbracciando in pieno ciò che tu riporti in questo post non ho scioperato stavolta…

  3. Oh, no, Wild. Come ben dic Annika, ma dice lo stesso articolo, trattandosi di commento ci sono un sacco di cose che sono, correttamente e dichiaratamente, confutabilissime, per fortuna.

  4. Hai ragione ancora una volta amica cara, ho dimenticato di aggiungere due paroline fondamentali: “per me”.
    Perché sono contrario sempre e comunque a qualsiasi tipo di violenza, a maggior ragione quella gratuita che ormai è diventata parte integrante di ogni manifestazione, corteo dei cosiddetti antagonisti, veri e propri criminali che andrebbero trattati come tali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...