A GESTI

Patitù al termine della seconda giornata di lezione di sci del corso collettivo annuncia soddisfatta

– Ho fatto amicizia con una bambina

ah che bello!

– si chiama Cassandra… è tedesca.

? ? ? … e come fate a capirvi?

– a gesti!!!

Così con semplicità, senza tutte quelle infrastrutture che abbiamo noi adulti, per i nostri bambini non esistono discriminazioni di lingua, sesso, religione o colore della pelle (per inciso, il fidanzatino di Patitù è di colore!)

E che bello vedere Patitù le mattine successive chiedere alla mamma (che per fortuna conosce il tedesco) di tradurle le frasi più semplici  (come stai? quanti anni hai?) per poi provare a dirle all’altra bambina.

Che bello sarebbe poter tornare anche solo per qualche giorno bambini!

Annunci

12 commenti

Archiviato in bambini, gioia, Patitù

12 risposte a “A GESTI

  1. le fa proprio bene stare in gruppo 🙂
    è vero forse noi siamo meno sciolti, ma penso che sia una cosa che torna con l’esperienza della vita.

  2. Sì, è figlia unica ed è costantemente alla ricerca di altri bambini!!!
    Non ti dico la gioia stamattina che tornava a scuola… Ieri sera mi ha detton che oggi dovevamo arrivare presto così lei poteva parlare un po’ con i suoi amici prima dell’inizio delle lezioni.

  3. che bello…ihihih non so io sono forse un po’ troppo sciolta… parlo con tutti…

  4. annika lorenzi

    si..i bambini non hanno le infrastrutture che ci creiamo noi adulti…

    i figli unici poi, lo vedo anche con Lemure, sono più socievoli. A dispetto di quanto mi hanno sempre detto ed inculcato. Perché in casa hanno i propri spazi,ed all’esterno amano lanciarsi…

    • Ecco, Patitù non è proprio una che si lancia, a meno che non abbia alle spalle un grosso paracadute, am una volta che ha rotto il primo difficilissimo pezzettino di ghiaccio, allora diventa un fiume in piena.

  5. liberadidire79

    E perché tornare solo per qualche giorno bambini??
    Di più no?
    Uffaaaaaa
    😀

  6. Ricordo qualcosa di simile all’esperienza fatta dalla tua bambina all’isola d’Elba, con una ragazzina tedesca. Avevo circa la sua età e, sì, hai ragione, come sarebbe bello avere poche sovrastrutture e tanta ricerca dell’essenziale, come loro.

  7. Vuoi dire che mi sto allevando una piccola Povna in seno?

  8. L’amicizia non ha confini né geografici né mentali! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...